Che cos'è il marketing non-convenzionale

Marketing non-convenzionale: definizione e strategie

Sino a qualche anno fa il marketing era conosciuto come l’insieme di quelle tecniche che consentivano di conoscere il mercato e di farsi conoscere da questo, nel tentativo di sconfiggere o superare i concorrenti.
Con l’avvento del web anche il marketing è cambiato, spostando la sua attenzione dal concorrente al cliente, ovvero alla sua conquista e fidelizzazione, il tutto senza considerare che la diffusione dei nuovi media ha richiesto un aggiornamento che ha appunto determinato la nascita del marketing non-convenzionale.
Questa definizione appare per la prima volta nel 2004 per indicare appunto questa nuova forma di marketing basata principalmente sui nuovi media i sociali network ma anche su soluzioni hardware e software user-friendly e quindi economiche. Il termine “non-convenzionale” era stato appunto adottato per indicare l’adozione nelle strategie di marketing di tattiche basate sull’effetto sorpresa, ma anche sul WOM (word-of-mouth), ovvero il passaparola.
Punti di forza del marketing non-convenzionale sono quindi la creatività, la trasgressione e la sorpresa, adottando quindi una forma di comunicazione basata sulle emozioni. Ne consegue che la creazione di un progetto di marketing finisce con il puntare sulle aspettative ancor prima del lancio di un prodotto, andando ad indirizzarsi soprattutto a influencer in modo che siano proprio questi a dare il via all’effetto WOM.

Marketing non-convenzionale: gli strumenti

Ma quali sono le principali strategie adottate dal marketing non-convenzionale?
Viral Marketing: Si tratta di una strategia che mira a diffondersi in maniera spontanea tra gli utenti, andando in un primo momento ad interessare soltanto utenti di nicchia per poi propagarsi agli altri grazie alla Rete. In quest’ottica è chiaro come i social network favoriscano le azioni di virial marketing
Ambient Marketing: Detto anche Ambient Advertising placed-based advertising, l’ambient marketing consiste nell’utilizzare uno spazio fisico come strumento di comunicazione per veicolare un messaggio pubblicitario
Guerrilla Marketing: Si tratta di un insieme di tecniche di comunicazioni non convenzionali che ha come scopo quello di ottenere il massimo dei risultati con il minimo investimento. La caratteristica principale del Guerrilla Marketing è l’effetto sorpresa attraverso immagini o video
Buzz Marketing: E’ il passaparola ottenuto attraverso una buona campagna di marketing, costruita sia attraverso attività online che off-line avete come scopo proprio quello di mantenere viva l’attenzione su un determinato argomento
Seeding&Tracking: Il Seding sta ad indicare tutte quelle attività comuni al media planning tradizionale, mentre il Tracking consiste appunto nel tracciare l’andamento di una determinata campagna utilizzando nuovi strumenti

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Ultimi post

Corso Web Marketing Strategy Padova

Per chi lavora nel campo del web marketing, vorrebbe lavorarci o coglie ora più

Le strategie di link building

Le strategie di link building molto spesso sono portate avanti in modo a dir poc

Info

RYHAB S.a.s.
Via Croce di Piperno,6
(80126) Napoli
Telefono: 081 588-11-68
Fax: 081 214-28-80