Penalizzazioni Google: 7 consigli by google per i web hosting

Il Motore di ricerca rilascia 7 consigli ai web hosting per evitare le penalizzazioni di Google

Sappiamo bene che google è sempre in cerca di siti spam da penalizzare o addirittura bannare in modo da non dare agli utenti risultati inutili o scadenti. Per tutti i web hosting che non vogliono vedere i propri siti bannati dal motore di ricerca, google ha condiviso 7 consigli preventivi.

Perchè google penalizza i siti di web hosting rimuovendoli dagli indici

Google ha garantito a se stesso il diritto di rimuovere i siti dai propri indici nel caso in cui questi non rispettassero le linee guida del motore. Combattere lo spam è da sempre un grosso problema per google specialmente per i siti che creano dozzine o centinaia di altri siti contenenti pochi contenuti originali, contenuti duplicati, autogenerati, o in generale di scarsa qualità.
Come Google ha dichiarato: “Abbiamo visto che alcuni web hosts e servizi di sottodomini sono diventati le maggiori fonti di malware e spam. Ci sforziamo di essere cauti nelle nostre azioni cercando di proteggere i nostri utenti e la qualità dei risultati di ricerca, ma se vediamo una frazione molto ampia di siti su un web host specifica che sono spam o distribuiscono malware, potremmo essere costretti ad agire sul web host nel suo complesso.
Un caso lampante: 11 milioni di sottodomini co.cc sono stati rimossi dagli indici la scorsa estate a causa di un gran numero di siti che sono ”spam” o “bassa qualità”.
L’aggiornamento di Google Panda è stato creato a scopo di verificare siti con ”sottile” o “bassa qualità” di contenuto, come lo è stato l’introduzione di un algoritmo di spam che precedeva Panda nel gennaio 2011, il quale ha ritenuto spam circa il 2% dei risultati di ricerca.

I 7 Consigli per evitare la penalizzazione di Google

Cosa succede quando un servizio di free hosting viene infestato da spammers? Semplice Google può bannare tutti i siti dai propri risultati organici di ricerca.
Per prevenire ciò ed evitare un consumo di banda eccessivo, google suggerisce:

  • La pubblicazione di una politica chiara sugli abusi e di comunicarla agli utenti per garantire la trasparenza su quello che è considerato attività ”spam”.
  • Usare CAPTCHA o altri strumenti di verifica in modo da consentire solo l’utilizzo “umano” e prevenire la creazione automatica di siti sul nostro servizio di hosting tramite script.
  • Monitoraggio dei segnali di spam tra cui redirects, un gran numero di annunci pubblicitari e keywords spam. Google ha recentemente annunciato un algoritmo che verifica il layout delle pagine penalizzando quelle con troppi annunci pubblicitari.
  • Tenere traccia delle iscrizioni e identificare segnali di spam com il tempo di completamento del form, il numero di richieste dallo stesso IP, gli user name utilizzati.
  • Controllare i log dei files per verificare improvvisi picchi di traffico per un sito appena creato.
  • Monitoraggio di pagine infette da phishing o malware.
  • Rilevare la lingua dei siti appena creati (es. migliaia di siti giapponesi che appaiono durante la notte in un sito di web hosting polacco)

Questi consigli possono essere applicati anche su siti che hanno contenuti generati dagli utenti come ad esempio i forum e webmasters che stanno prendendo in considerazione la creazione di un sito web gratuito. Se un servizio di free hosting non segue questi 7 consigli può facilmente essere vittima di spammers e contemporaneamente della penalizzazione di Google.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Ultimi post

Corso Web Marketing Strategy Padova

Per chi lavora nel campo del web marketing, vorrebbe lavorarci o coglie ora più

Le strategie di link building

Le strategie di link building molto spesso sono portate avanti in modo a dir poc

Info

RYHAB S.a.s.
Via Croce di Piperno,6
(80126) Napoli
Telefono: 081 588-11-68
Fax: 081 214-28-80