Rilasciato Google Penguin update 1.1

L’ennesimo aggiornamento di Google ci porta Penguin 1.1

Mentre l’intero mondo Seo sta cercando ancora di riprendersi dal passaggio da Panda a Penguin, ecco che Google ha pensato bene di di rilasciare già il primo aggiornamento dell’algoritmo ovvero Penguin 1.1.
La notizia è stata data ufficialmente via Twitter da Matt Cutts lo scorso 25 maggio il che significa che già da 5 giorni siamo alle prese con quest’ultimo “data refresh” come lo definisce lo stesso Cutts.
Sebbene questo possa sembrare “spaventoso” Matt Cutts sostiene che questo aggiornamento influirà solo sullo 0.1% delle ricerche in inglese (per ora?) e dunque a quanto pare eventuali “influenze” probabilmente saranno abbastanza lievi.

Uscire dalla Penalizzazione di Penguin

Intanto si continuano a cercare soluzioni per ripulire i siti penalizzati da penguin e riportare “l’armonia nelle serp”. Più che cercare il modo si cercano i motivi della penalizzazione e sebbene non siano ben chiari, ecco alcuni elementi che abbiamo verificato essere nocivi per il sito:

  • Sovra-ottimizzazione: prima dell’arrivo di Penguin si parlava di un algoritmo che penalizzasse la sovra-ottimizzazione di un sito e dunque è proprio da qui che dobbiamo partire. google ormai è in grado di capire facilmente il tema di una pagina, dunque ripetere all’infinito la parola chiave non fa altro che peggiorare la situazione. Prima di tutto quindi “alleggeriamo” il sito dalle parole chiave rivedendo i nostri contenuti e focalizzandoci più sull’originalità di quest’ultimi.
  • Link nei footer e sidebar: fino a questo momento inserire un link nel footer o nella sidebar di un sito era una cosa che poteva portare vantaggi nel posizionamento, ma ad oggi abbiamo verificato quasi per certo che è fonde di penalizzazione. Un link inserito in un footer di un sito che contiene migliaia di pagine, sarà ripetuto migliaia di volte (tante quante sono le pagine del sito) e a quanto pare questo non piace particolarmente a Google Penguin.
  • Guest post e links da networks: se precedentemente creare un network di siti (linkati tra di loro) poteva dare quel qualcosa in più sia ai siti stessi che a quelli linkati da quest’ultimi, ad oggi sembra proprio che questo significhi dichiarare apertamente che si sta facendo un’attività di link building in quanto che un sito trovi interessante il nostro linkandolo potrebbe sembrare naturale ma che tutti siti collegati a quest’ultimo facciano lo stesso è una chiara dichiarazione di spam a google.
  • Link a pagamento da siti che lo fanno per “abitudine”: per ottenere link da siti di qualità l’acquisto di guest post può essere una soluzione, tuttavia bisogna fare attenzione ai siti che selezioniamo in quanto se sono dichiaratamente “venditori di link” google lo sa per certo…

One thought on “Rilasciato Google Penguin update 1.1

  1. Ho alcuni siti che utilizzano lo stesso link building tramite un servizio online di scambio link ma ho notato che dopo l’ intervento di Google Penguin alcuni sono stati penalizzati e altri no. I testi scritti sono strutturalmente molto simili, l’ utilizzo di keyword density pure e anche la tematica è la stessa…ma non è che il nuovo algoritmo colpisce un pò a casaccio? Saluti. Stefano

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Ultimi post

Corso Web Marketing Strategy Padova

Per chi lavora nel campo del web marketing, vorrebbe lavorarci o coglie ora più

Le strategie di link building

Le strategie di link building molto spesso sono portate avanti in modo a dir poc

Info

RYHAB S.a.s.
Via Croce di Piperno,6
(80126) Napoli
Telefono: 081 588-11-68
Fax: 081 214-28-80