Le strategie di link building

Le strategie di link building molto spesso sono portate avanti in modo a dir poco improvvisato, senza una chiara idea di dove si andrà a parare. Niente di più sbagliato: la pianificazione è indispensabile, e  un approccio professionale e duraturo per il link building deve invece partire da una considerazione basilare: qual è l’obiettivo finale del mio lavoro?

Le risposte possono essere diverse, si può infatti puntare:

-          Alla creazione di una nuova fonte di traffico

-          A variazioni nel pagerank (per quanto tale valore possa essere indicativo)

-          Ad un aumento della visibilità generica

-          A miglioramenti di ranking per chiavi specifiche

 

Molti webmaster scelgono di utilizzare tool automatizzati: si tratta palesemente di una scelta che porterà a link di breve durata, dalla qualità media quanto meno discutibile. Non è una scelta necessariamente errata: dipende da quanto emerge dal secondo, necessario step di una strategia di link building: ci si deve chiedere, quanto devono durare questi link? Naturalmente la creazione di contenuti interessanti, con conseguente ingresso di link naturali, è la scelta più indicata: ma si tratta, appunto, di una scelta.

 

Il terzo passo è decidere se vale la pena rischiare, e quanto. La manipolazione è sempre presente, e dev’essere chiaro: lo stesso concetto di creare contenuti interessanti per attrarre link rientra nel concetto di manipolazione. Però in questo caso il termine più giusto è dire che si conoscono le regole del gioco. Molto diverso è dedicarsi all’acquisizione di link innaturali: potete farlo, ma sappiate potreste anche beccarvi un spam report fra capo e collo, o per un qualunque motivo essere individuati dai motori di ricerca. In quel caso, siate pronti ad accettare che il sito del vostro cliente sprofonderà nelle SERP. Ve la sentite di affrontare questo rischio?

 

Il passo successivo consiste nell’individuare da quali fonti potete cercare di attrarre link: fate una lista. E soprattutto, considerate che potreste non aver bisogno di tool per la ricerca di link: sono carini, sono giocattoli divertenti, ma non esistono fonti segrete cui possano accedere, e probabilmente finirete con l’avere link dalle stesse fonti dei vostri competitor: una strategia rivedibile, o adatta a SEO alle prime armi. Verificare l’approccio al link building può essere un buon metodo anche per valutare lo spessore di una web agency, a  Verona come a Palermo, ad Aosta o a Milano.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Ultimi post

Corso Web Marketing Strategy Padova

Per chi lavora nel campo del web marketing, vorrebbe lavorarci o coglie ora più

Le strategie di link building

Le strategie di link building molto spesso sono portate avanti in modo a dir poc

Info

RYHAB S.a.s.
Via Croce di Piperno,6
(80126) Napoli
Telefono: 081 588-11-68
Fax: 081 214-28-80