Textmarket.it il sito per acquistare micro servizi seo

Servizi seo acquistabili online a prezzi convenienti

E’ noto che l’attività seo si suddivide, o meglio comprende, tutta una serie di operazioni da effettuare una tantum oppure in maniera costante nel tempo, tempo che spesso non abbiamo da dedicare e che quindi richiede l’intervento di risorse esterne.

Queste risorse esterne da oggi si concentrano in un unico sito che si offre quelli che possiamo definire “micro servizi seo”: www.textmarket.it.

Come possiamo intuire già dal dominio questo sito è un market che vende appunto diversi servizi seo che possono essere acquistati a prezzi davvero minimi e dunque convenienti.

Vediamo nel dettaglio le principali attività che possiamo acquistare sul sito www.textmarket.it:

  • Article marketing: in questa sezione possiamo decidere di acquistare una campagna mensile di article marketing con diverse opzioni di pubblicazione, oppure una campagna unica di article marketing e infine il servizio di guestposting.
  • Comunicati stampa: qui possiamo comprare la diffusione dei nostri comunicati stampa su un numero di siti prestabilito partendo da un costo di € 10 a salire.
  • Seo: nella sezione seo possiamo acquistare dei servizi che possono migliorare il posizionamento del nostro sito web:
    • Analisi seo:  con l’acquisto di questo servizio riceveremo un documento dettagliato con tutti gli errori di ottimizzazione presenti nel nostro sito che potremo di conseguenza correggere al fine di migliorare la visibilità di quest’ultimo.
    • Analisi parole chiave: con questo servizio ci verranno fornite le principali parole chiave utili a generare traffico verso il nostro sito e naturalmente conversioni.
    • Ottimizzazione seo per wordpress: con questo servizio gli esperti seo di textmarket procederanno con la diretta ottimizzazione seo del nostro sito su piattaforma wordpress.
    • Link building: acquistando questo servizio possiamo ottenere una campagna di link building effettuata con l’aggiunta di una schema di link interno che possa “rafforzare” il valore di tutti i link inseriti verso il nostro sito durante questa attività.
    • Seo copywriting: se il vostro anello debole sono invece i contenuti, textmarket offre anche servizi su questo tema, infatti è possibile acquistare testi ottimizzati seo in italiano ( a partire da € 10) e in inglese (da € 20) oppure una revisione dei testi già presenti sul vostro sito, al fine dell’ottimizzazione seo.

Questi sono i principali micro servizi seo acquistabili su textmarket che consentono con investimenti minimi di migliorare diversi aspetti inerenti il posizionamento nei motori di ricerca o la popolarità dei nostri siti web.

Google rilascia la Guida Seo al posizionamento 2012

Online la nuova Guida al posizionamento di Google

Come già era stato annunciato dal blog ufficiale, è online la nuova guida al posizionamento 2012 di Google. Ad una prima lettura si evince che per grandi linee non sono stati molti i cambiamenti apportati, sebbene qualche novità sia stata introdotta in relazione alle tecnologie alle quali rivolgersi per ottimizzare al meglio il proprio portale.
Tra gli aspetti più importanti contenuti nella nuova guida seo di Google, va segnalata l’importanza del posizionamento attraverso la link building con particolare attenzione al “nofollow”, l’analitica e gli strumenti di analisi gratuiti messi a disposizione da Google.
La presentazione è un po’ una sintesi di tutta la guida:
“L’ottimizzazione per i motori di ricerca consiste spesso nell’apportare modifiche minime ad alcune parti del vostro sito. Considerate individualmente, queste modifiche possono sembrare dei semplici aggiustamenti; ma combinate insieme ad altre ottimizzazioni possono avere un impatto significativo sul modo in cui gli utenti utilizzano il sito e sulla sua presenza nei motori di ricerca”.
In sintesi il riepilogo della nuova Guida Seo di Google:

• SEO: Concetti di base
o Crea titoli di pagina unici ed accurati
o Sfrutta il meta tag “description”
• Migliora la struttura del sito
o Migliora la struttura dei tuoi URL
o Rendi il tuo sito semplice da navigare
• Ottimizzare il contenuto
o Offri contenuti e servizi di qualità
o Migliora i tuoi anchor text
o Ottimizza l’uso delle immagini
o Utilizza i tag heading in maniera appropriata
• Come comportarsi con i crawler web
o Fai un uso efficace del file robots.txt
o Tieni in considerazione il rel=“nofollow” per i link
• SEO per cellulari
o Informa Google dell’esistenza di siti per cellulari
o Indirizza con precisione gli utenti di cellulari
• Promozione e analisi
o Promuovi il tuo sito in modo giusto
o Utilizza gli strumenti per webmaster gartuiti

20 strumenti per analizzare i social media

Risorse gratuite in rete per valutare i social media

Negli ultimi anni i social media sono diventati fondamentali per tutte quelle attività che concernono la comunicazione e la promozione via web, così avere a disposizione degli strumenti che ci consentono di valutare la misurabilità delle azione online è certamente molto utile.
Girando in rete è possibile trovare tante risorse di questo tipo, la maggior parte delle quali completamente free.
Vediamo quindi quali sono i 20 tool più importanti attualmente disponibili in rete:
1. Alexa.com: E’ forse uno dei più conosciuti e permette di ottenere dati statistici relativamente ai siti web, dando informazioni sul ranking, sul numero dei siti che linkano al sito analizzato e così via
2. Amplicate: Grazie a questo strumento è possibile ottenere una sorta di report relativamente alla reputazione di un determinato marchio o brand in rete, suddividendo le opinioni in “odio” e “amore”. Il servizio è gratuito ma se si vogliono ottenere dati più precisi allora la tariffa è di 19 dollari
3. Board Reader: Grazie a questo strumento è possibile rintracciare in Rete tutte le menzioni fatte ad un brand o un marchio nei forum
4. Blogscope: Grazie a questo tool è possibile controllare più di 60 milioni di blog e circa 13.000 post in modo da ottenere importanti informazioni sulla blogosfera
5. Facebook Insights: Grazie a questo strumento, noto a chi utilizza Facebook, è possibile per l’amministratore di una pagina ottenere importanti informazioni sul grado di interazione dei fan. Grazie a questo strumento è quindi possibile capire quali sono i contenuti più graditi ai fan della pagina e capire anche quale è il momento migliore per postare un contenuto
6. Follower Wonk: Permette di avere le idee più chiare per quanto concerne i feed di un utente, analizzando un dato profilo in termini di follower e del grado di influenza
7. Feed Compare: Grazie a questo tool è possibile vedere il numero di sottoscrizioni al proprio blog, avendo quindi un quadro più preciso sulla quantità di utenti che ci seguono con costanza
8. Google Insights: Grazie a questo strumento è possibile osservare i trend di un marchio ma permette anche di fare delle ottime analisi di settore in un determinato settore
9. How Sociable: Si tratta di un servizio ad abbonamento ma con la ricerca gratuita è possibile valutare l’impatto di un determinato brand sui social media, sotto forma di magnitudo
10. Ice Rocket Trends: Permette di confrontare una serie di termini di ricerca e di ottenere un grafico come risultato
11. Klout-Peerindex-Kred: Sono i tre principali strumenti di Sentiment Analysis; Klout presenta alcuni inconvenienti, ma insieme a Peerindex è utile per creare elenchi
12. Mention Map: E’ un tool visivo che consente con un grafico a quali persone un utente twitter si connette maggiormente
13. Social Mention: E’ un motore di ricerca sociale che permette uno studio sulle keywords più usate
14. Statbrain: Serve per valutare il numero di visitatori settimanali di un sito che ci ha menzionati
15. Statigram: Permette di visualizzare le immagini Instagram via browser in modo da impostare un url personalizzato che riconduca gli utenti direttamente alle immagini
16. Timely/Crowd Booster: Permette di individuare il momento migliore per twittare
17. Twitter Counter: Grazie a questo tool si può registrare il numero dei follower su Twitter
18. Tweetreach: Permette di visualizzare il numero di persone che hanno visto un proprio tweet, stillando anche una classifica degli utenti più influenti
19. Trendistic: Permette di seguire le evoluzioni di Twitter nel tempo

20. Visual.ly: Permette di confrontare il proprio profilo Twitter con quello di altri utenti

Link Baiting: vantaggi e svantaggi

Link baiting: dibattito controverso

Quando ci si vuole addentrare nel dibattito sulla link baiting si entra sempre in un terreno difficile e abbastanza controverso e questo perché la link baiting, così come tutto quello che concerne il Seo, può essere considerata una sorta di zona grigia.
Quando si crea qualcosa con la speranza che questo possa “attrarre link”, allora si sta facendo link baiting; ci si chiede quindi come distinguere la link baiting dai contenuti generali.

In linea di massima si può fare questa classificazione:

No Link Bait: Si tratta di quei contenuti che possono fornire informazioni o rispondere a quesiti, ma in maniera del tutto standard, vale a dire con notizie rintracciabili in molti altri siti simili
Link Baiting “buona”: Si riferisce a tutti quei contenuti che sono il risultato di un lungo ed originale lavoro di ricerca e di stesura e che pertanto possono essere considerati “unici”, oltre che realmente utili e provvisti di un certo valore. Un importante vantaggio di contenuti di questo genere è anche quello di riuscire ad attrarre link sul lungo tempo, vale a dire anche molto tempo dopo la pubblicazione
Link Baiting “cattiva”: Si tratta in linea di massima di tutti quei contenuti che vengono creati esclusivamente con l’obiettivo di scioccare, di colpire o comunque di attirare l’attenzione degli utenti senza necessariamente fornire delle informazioni o delle notizie utili. Ovviamente questi contenuti per essere considerati link baiting hanno bisogno di ricevere link, cosa che se non accade può solo compromettere la reputazione del suo autore

Link baiting: usarla saggiamente

D quanto detto è chiaro che per costruire in maniera saggia una propria strategia di link baiting e soprattutto per fare in modo che questa dia risultati duraturi nel tempo, è necessario lavorare parecchio e metterci molto impegno. In linea di massima vale la “regola” secondo la quale prendere scorciatoie può portare a risultati immediati che però non sono duraturi nel tempo, mentre se si costruisce una strategia accurata e si impiega in questa un costante lavoro, allora i risultati che si otterranno saranno forse più tardivi ma certamente più duraturi.

Il potere dei guest post

 

Guest Post: risorsa forte da sfruttare

Si dice spesso che la link building è cambiata e che i contenuti stanno assumendo un’importanza crescente per promuovere un sito o un blog, in quanto marcano la differenza rispetto a competitors dello stesso settore, fornendo informazioni, notizie, guide altrove non rintracciabili.

In quest’ottica un sito o un blog ben curato e ricco di informazioni ha maggior possibilità di acquisire importanza e di “crearsi” una propria schiera di “fan”, ovvero di lettori costanti.

Questi siti potrebbero essere utili a chi sta cercando di rafforzare il proprio blog o portale; qui entra in gioco il guest post, ovvero la pubblicazione di propri articoli su blog o siti “autorevoli”.

Ma come fare guest post?

Guest post: scovare blog autorevoli

La prima cosa da fare è andare alla ricerca di quei blog o siti più “autorevoli” relativamente al vostro settore di riferimento.

In questa ricerca alcuni “strumenti” possono esservi utili:

Google: Importante è fare molte ricerche su Google relativamente ai siti o blog più forti e di riferimento in relazione al vostro settore

Bing: Utile è anche fare la stessa ricerca con Bing in quanto i risultati ottenuti possono essere diversi

Google Blog Search: Grazie a questo strumento potrete fare una ricerca molto più mirata, in quanto circoscritta ai soli blog

Dmoz: Controllate quali sono i blog affini al vostro settore presenti in Dmoz

Dopo aver trovato i blog più autorevoli ai quali proporre guest post bisogna:

• Studiare il target del sito

• Controllare se sul sito o blog ci sono già dei guest post e relativamente a quali argomenti

• Cercare di capire quali potrebbero essere i contenuti interessanti da proporre, facendo attenzione nel selezionare argomenti non trattati in relazione ai quali potreste assumere una posizione “leader”

A questo punto bisogna contattare chi gestisce i siti o i blog.

Il consiglio è di cercare manualmente i contatti, perché a volte i tool automatici possono non dare i risultati sperati. Fatto questo, bisogna contattare chi gestisce i blog o siti, facendo attenzione ad assumere un tono colloquiale ma non sfacciato e sempre rispettoso. Attenzione a non inviare un articolo con il primo contatto e a non elogiare il sito/blog se non lo conoscete bene.

A questo punto bisogna solo attendere la risposta.

Alcuni accetteranno la vostra proposta di guest post senza chiedere nulla in cambio, altri vi diranno di inviare un articolo in modo da poterlo valutare, mentre da altri non riceverete alcuna risposta. Per quanto riguarda questi ultimi non cancellate i loro contatti, visto che potete ricontattarli in un secondo momento, quando magari sarete riusciti a fare guest post con altri siti/blog ed avrete acquisito una certa “autorità”.

Lista di article directory gratuite

Per ottenere qualche link in più può sempre tornare utile questa lista di article directory gratuite dove potrete pubblicare i vostri comunicati stampa con qualche link tematico all’interno. A dire il vero di siti web per l’article marketing ce ne sono veramente tantissimi ma sfortunatamente molti sono in lingua straniera. Ricercando sul web potete trovarne molte di più ma queste sono di discreta qualità e pubblicano gli articoli entro 24-48 ore, quindi se voltete una risposta veloce, immediata e che funzioni, utilizzatele… ne vale la pena

Eccovi la lista di alcune article directory italiane

http://3viso.com/
http://articledirectory.it/
http://articolipubblicitari.info/
http://comunicati.dysotek.eu/
http://blog.fanale.name/
http://blog.staffinformatico.it/inserisci-un-comunicato-stampa/
http://carmagnola.blogolandia.it/scrivi-un-tuo-articolo/
http://comunicando.emoondo.com/
http://comunicatiaziende.blogspot.com/
http://comunicatistampa.netsons.org/
http://comunicatistampa.wordpress.it
http://comunicati-stampa.versiliainrete.com
http://comunicati-stampa.zalexo.it/
http://comunicatostampa.blogspot.com
http://cs-comunicatistampa.blogspot.com/ 
http://it-article-marketing-blogspot.com
http://lastminute-viaggi.mwhs-eu.net/
http://pressroom.mwhs-eu.net/
http://prodotti.bennet.it/marketing
http://recensioni.myplanets.org/
http://recensioni.sponsorizzati.it
http://recensionisiti.blogspot.com/
http://recensioni-turismo.blogspot.com/
http://siti.recencity.net/ 
http://twitter.com/articolista
http://viaggiareweb.myblog.it/invia_un_articolo/
http://www.agri-italia.it/
http://www.agriturismo-italiano.com/
http://www.alimentapress.it
http://www.altavistapress.com
http://www.annuncieinserzioni.it 
http://www.area-press.eu/
http://www.articlemarket.it/
http://www.articlemarketing.biz/
http://www.article-marketing.eu/
http://www.article-marketing.it/
http://www.articlemarketingitaliano.it/

Sicuramente potranno ritornarvi utili :)

Article Market Comunicati stampa

Hai una notizia da diffondere sul web? Hai bisogno di link verso la pagina ufficiale dell’evento? ArticleMarket.it ti offre la possibilità di pubblicare gratuitamente i tuoi comunicati stampa. Ogni articolo viene controllato manualmente dallo staff del sito quindi non esagerate con i links nel testo (massimo due). Article Market non offre alcun servizio innovativo ma è un ottimo mezzo per ottenere qualche link in entrata e far conoscere il proprio sito web.

Visita il sito di Article Marketing

SEO Software gratuito

Di software per SEO ne esistono parecchi e molti si propongono come “bacchetta magica” per posizionare il vostro sito web con pochi semplici passi. Quello che vi proponiamo è invece uno strumento di monitoraggio delle posizioni sui motori di ricerca, SEOMax. A nostro avviso, gli strumenti di controllo delle SERP e dei competitors sono gli unici strumenti utili per un SEO, tutto il resto lascia il tempo che trova, sarebbe troppo facile posizionare un sito web utilizzando una semplice procedura automatica eseguita da un programma. Se per assurdo dovesse esistere un software in grado di posizionare il vostro sito web, comunque non cambierebbe nulla, potrebbero acquistarlo ed eseguirlo tutti i vostri competitors, quindi si è nuovamente al punto di partenza. Lavorare di ingegno è il segreto e, cosa fondamentale, monitorare, monitorare, monitorare… non lasciate nulla al caso. Se volete uno strumento gratuito ed efficace per controllare le posizioni su google, yahoo e bing e per tenere sotto controllo i vostri competitors allora scaricate gratuitamente SEOMax dal sito dell’autore Ivano Di Biasi.

Ultimi post

Corso Web Marketing Strategy Padova

Per chi lavora nel campo del web marketing, vorrebbe lavorarci o coglie ora più

Le strategie di link building

Le strategie di link building molto spesso sono portate avanti in modo a dir poc

Info

RYHAB S.a.s.
Via Croce di Piperno,6
(80126) Napoli
Telefono: 081 588-11-68
Fax: 081 214-28-80