Come scrivere un blog in maniera efficace sfruttando i social media

Quando scrivi un post per il tuo blog ti sei mai chiesto se questo è scritto “nella stessa lingua” del tuo pubblico? Se stai usando parole e frasi alle quali esso può relazionarsi? Oppure io tuoi post sono un semplice collage di “paroloni” che solo tu e pochi eletti potete comprendere? Se non usi lo stesso linguaggio del tuo pubblico non fai altro che danneggiare te stesso in diversi modi:

1. La solita solfa: usare “paroloni” oppure termini tecnici preciso non ti renderà diverso dai tuoi competitors. Ciò che ti serve è usare parole che ti aiutino ad “emergere”.

2. Far scappare le persone: se i tuoi lettori trovano le classiche frasi e parole sentite e risentite non faranno altro che cercare qualcosa di originale altrove.

3. Troppa competizione: se stai cercando di battere i tuoi competitors sui motori di ricerca, usare le loro stesse parole non ti aiuterà ne dal punto di vista del ranking ne da quello dei click in quanto la maggiori parte dei tuoi potenziali clienti non ti cercheranno con quei “termini”.

Per fortuna i social ci vengono in aiuto per capire facilmente qual è il tipo di linguaggio che il nostro target di riferimento usa e sul quale puntare. Vediamo dunque come sfruttare i Social Media in questo senso:

Studiare il linguaggio del tuo pubblico sui Social

Il metodo più veloce ed economico per “estrarre” il linguaggio del tuo pubblico è vedere cosa scrivono sui siti social:
Twitter, Facebook, Google+, and LinkedIn: quali parole le persone usano per i tweet o i post su facebook? Sono le stesse che usano per commentare e rispondere ai post? Segui i blogs: potrai scoprire cose ancora più interessanti leggendo i post sui loro blog. Visita i forum: cerca su google i maggior forum del tuo settore, vedi quali domande postano e il linguaggio che usano per rispondere. Inoltre è interessante verificare quale topics genera maggior interesse.
Evita i blog aziendali: come potrai vedere tu stesso le persone non usano termini tecnici e leggere blog aziendali non farà altro che farti imbattere esattamente in quelli. Cerca gli Hashtags di tendenza Sebbene twitter faccia ancora un po’ di fatica a spiccare il volo in Italia è comunque più utilizzato rispetto all’anno scorso e dunque fare uno studio degli Hashtags più popolari può sicuramente dare dei dati interessanti sui termini di ricerca.

Usa gli Insights di Facebook per entrare nella testa dei tuoi lettori

Gli Insights di facebook ti possono aiutare a capire quali sono i contenuti della tua pagina con i quali interagiscono di più e che quindi attirano maggiore interesse. Una volta capito il tipo di linguaggio e di contenuto il tuo audience utilizza potrai scrivere dei contenuti più efficaci che possono portare anche conversioni. Ciò che non dobbiamo dimenticare è che questo tipo di studio va fatto costantemente in quanto come ogni cosa anche il linguaggio dei nostri clienti può mutare nel tempo e richiedere nuovi adattamenti da parte nostra.

Ottimizzare i contenuti di un sito web

Come realizzare una strategia di contenuti in un sito già esistente

Stabilire una strategia di contenuti per un sito già esistente è un pezzo del puzzle dell’ottimizzazione seo, specialmente considerando i recenti aggiornamenti di Google Panda.

Dal punto di vista dell’ottimizzazione on-page è importante avere un contenuto dedicato alle due parole chiave più importanti per il nostro sito, ovvero quelle con il maggior volume di ricerca.
Vediamo dunque una strategia da utilizzare per ottimizzare al meglio i contenuti di un sito sia per Google Panda che per aumentare il traffico nel nostro sito.

Eliminare le pagine inutili

Prima d’iniziare è necessario stabilire dove c’è bisogno di contenuto e valutare il nostro sito in modo critico stabilendo se ci sono pagine indicizzate che possano risultare inutili.
Alcuni esempi di tali pagine possono essere quelle che sono i risultati di ricerche interne al sito oppure la paginazione dei prodotti.  Nonostante non sia questo il tema principale del nostro post, eleminare queste pagine può essere la fase iniziale della nostra strategia sui contenuti. Per verificare quali di queste pagine risultano indicizzate è sufficiente ricorrere al comando su Google “site:nostrosito.it” ed esplorare i risultati.

Ricerca delle parole chiave per creare e ottimizzare i contenuti

La ricerca delle parole chiave è il passo fondamentale per qualsiasi strategia inerente i contenuti. Naturalmente i metodi di ricerca delle parole chiave dipendono molto dalla grandezza del sito, ma per quanto segue può andar bene per uno di piccole/medie dimensioni.

Presupponendo che abbiamo già risolto i problemi inerenti contenuti duplicati e rimosso pagine inutili, è tempo di rafforzare le pagine esistenti.
Considerando che stiamo investendo sui contenuti del nostro sito, dobbiamo assicurarci che le pagine siano ben ottimizzate sia per le keywords più importanti che quelle secondarie. Naturalmente dobbiamo anche assicurarci di inserire eventuali varianti e sinonimi che possano rafforzare il contenuto della nostra pagina.
Il punto di partenza di questo tipo di ricerca sono gli strumenti per parole chiave come ad esempio SEMRush, SpyFu, e Ahrefs i quali forniscono le parole chiave per il nostro sito e quelli dei nostro competitors. Questi strumenti sono ideali per avere un’idea di quali siano le parole chiave importanti per il nostro sito da inserire nei nostri contenuti. Facilmente resteremo sorpresi non appena ci renderemo conto che la maggior parte dei contenuti del nostro sito non includono tali keywords.
Se non hai del budget da investire nei suddetti strumenti a pagamento puoi sempre utilizzare il Google AdWords Keyword Tool. Tramite questi strumenti non solo possiamo renderci conto di quali keywords importanti mancano nel nostro sito, ma abbiamo la possibilità di avere le parole chiave sulle quali basare eventuali pagine nuove.

Ricerca delle parole chiave attraverso i Competitors

Una volta stabilite quali sono le parole chiave primarie e secondary per il nostro sito, è tempo di andare “a caccia” nei siti dei nostri competitors. Per farlo possiamo sempre utilizzare i tools menzionati per estrarre le principali keywords dai siti concorrenti e paragonarle con le nostre.
Un altro trucco efficace è verificare per quali keywords i nostri competitors hanno attive campagne di PPC.
Una volta completata questa fase, che possiamo considerare forse la più difficile, è tempo di procedere con la strategia di contenuti utilizzando i risultati della nostra ricerca di parole chiave.

Consigli per la creazione dei contenuti

Una volta pulito il sito da pagine inutili e contenuti duplicati, e stabilita la lista di parole chiave da utilizzare, è tempo di creare o ottimizzare i nostri contenuti seguendo delle linee guida generali:

  • Variare il numero di parole tra le varie pagine: per sembrare I nostril contenuti naturali è necessario che la lunghezza di questi, e dunque il numero di parole, sia diversa per ogni pagina del nostro sito.
  • Fare un buon utilizzo di sinonimi: considerando che google sta migliorando sempre di più nel capire le parole e i loro sinonimi è fondamentale utilizzare al meglio quest’ultimi per creare delle buone varianti nelle frasi.
  • Aggiungi valore alle tue pagine: è necessario capire se possiamo aggiungere qualsiasi cosa che possa dare un valore aggiunto alle nostre pagine rendendole più interessanti. Possiamo per far ciò dare un’occhiata a quelle dei nostri concorrenti oppure utilizzare widget e migliorare il template del nostro sito.

Servizio redazione testi

Gestire i contenuti di un sito web è il lavoro più oneroso in termini di tempo e richiede molta attenzione e sopratutto esperienza nel creare contenuti ottimizzati per i motori di ricerca. Da un anno è nato il servizio TextMarket, un mercatino del testo online. Sul sito è possibile acquistare e vendere articoli,  acquistare recensioni o comunicati stampa su numerosi siti web messi a disposizione dai blogger iscritti. L’interfaccia del sito è molto semplice e riteniamo che sia una vera innovazione per guadagnare facilmente con il proprio blog o per ottenere link in entrata verso il proprio sito commerciale. Textmarket si offre come valido punto di intermediazione tra aziende che vogliono sponsorizzare i propri prodotti o servizi e bloggers interessati a guadagnare facendo quello che gli piace.

Eccovi il link per visitare TextMarket

Ultimi post

Corso Web Marketing Strategy Padova

Per chi lavora nel campo del web marketing, vorrebbe lavorarci o coglie ora più

Le strategie di link building

Le strategie di link building molto spesso sono portate avanti in modo a dir poc

Info

RYHAB S.a.s.
Via Croce di Piperno,6
(80126) Napoli
Telefono: 081 588-11-68
Fax: 081 214-28-80